Ultim'ora

Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Riceviamo e pubblichiamo comunicato stampa della FIV Calabria:

L’atleta reggina classe 1999 del Circolo Velico Reggio si sta allenando con la nazionale giovanile under 16 per preparare le olimpiadi giovanili che si disputeranno a Nanchino ad agosto del 2014.

La supervisione  e l’organizzazione tecnica spetta alla atleta olimpionica Alessandra Sensini,oggi direttore tecnico giovanile della Federazione Italiana Vela,  il tecnico nazionale dei singoli che cura la preparazione della squadra è Francesco Caricato. I numerosi allenamenti a cui Rosalba Giordano partecipa si svolgono nelle acque dei Centri Federali Olimpici di Campione del Garda e di Loano.

Sicuramente grande impegno per un obiettivo ambizioso che la vedrà impegnata dal 4 all’8 dicembre ad Imperia nei campionati Europei della classe BYTE CII la classe sulla quale si disputeranno le olimpiadi giovanili. Poi dal 21 al 27 aprile 2014 si disputeranno gli Europei  ed  a maggio i mondiali a Riva del Garda e queste saranno le due regate dove la federazione italiana vela sceglierà l’atleta che andrà alle olimpiadi giovanili. Per ora il programma federale lo seguono in  cinque tutti nati tra il 98 ed il 99 , l’atleta reggina è l’unica del sud Italia ( ci sono 2 atleti del Lago di Garda, una triestina e un ragazzo di Follonica che vive tra l’Italia e Madrid) e per potersi allenare al nord ha dovuto comprare una barca da tenere li in modo da poter viaggiare in aereo e perdere meno  giorni di scuola possibili.

Il BYTE a differenza del LASER è una barca molto tecnica e un po’ nervosa nelle andature portanti, presuppone una buona preparazione fisica per la sua conduzione con vento sostenuto, ha una vela più grande del laser 4.7 che è la barca sulla quale solitamente regata Rosalba.

 V.P.: Parliamo un po’ di come hai iniziato ad andare per mare. Cosa ti ha spinto ad avvicinarti al mondo della vela?

rosalba  giordano1R.G.: Ho iniziato al Circolo Velico Reggio che avevo sette anni ,e mi sono subito appassionata a questo sport, perché mi permetteva di sentirmi libera di scegliere dove andare in grande autonomia con la mia barca: l’Optimist. Arrivare alla vela non è stato un caso nella mia famiglia si parla di vela come di calcio nella maggior parte delle famiglie italiane. E’ uno sport che ti insegna ad essere autonomo a possedere senso pratico e  ti impone di  prendere decisioni immediate, ma ti insegna anche a rispettare le dure regole della natura che comanda sugli esseri umani.  Il mare , il vento, le onde le correnti marine e la mia barca nel meraviglioso silenzio del mare sono la mia palestra.

 V.P.:

Quello di Reggio Calabria è un campo di regata splendido e molto impegnativo. Ci vuoi descrivere le tue sensazioni della tua prima regata nelle acque dello Stretto?

R.G.: La mia prima regata al mio circolo è stata davvero emozionante … continuavo a ripetermi che l’obiettivo non era vincere ma portare a termine il percorso, mi guardavo intorno e cercavo di decodificare tutti i messaggi che il mare mi inviava… ma non ci ho capito molto così cautamente mi sono messa dietro un mio compagno di squadra più esperto ed ho imitato tutto quello che faceva, non solo ho portato a termine il percorso ma sono arrivata seconda con grande sorpresa dei miei nonni e dei miei genitori. Sicuramente oggi regatare in casa mi piace moltissimo perché è il miglior campo di regata italiano dove i più forti equipaggi vengono ad allenarsi prima delle competizioni più difficili.  Vasco Vascotto oggi skipper affermato si allenava tutta l’estate al nostro circolo, l’olimpionica Larissa Nieverov ha preparato al nostro circolo le olimpiadi di Pechino, e così tanti altri che oggi sono velisti professionisti.

 V.P.: Escludendo Reggio Calabria, qual è il campo di regata che più ti è piaciuto per condizioni atmosferiche e paesaggio?

R.G.: A me piace moltissimo la Sardegna, in particolare Cagliari e poi la parte alta del lago di Garda (Riva, Torbole, Malcesine) posti dove c’è sempre vento sostenuto ed onda, insomma le condizioni meteo che preferisco.

V.P.:  

Chi va per mare, è cosa nota, è un po’ scaramantico. Tu hai qualche portafortuna che porti sempre con te in mare?

R.G.: No io non credo alla fortuna nello sport ,  si può essere fortunati una volta ma due già sono troppe, mi piace pensare che il mio destino me lo creo da sola con il mio impegno e con tanto allenamento. Spesso questo è sacrificante ma poi i risultati ripagano qualunque sacrificio

 V.P.:  

Ci sveli il segreto per essere una brava velista?

R.G.: sono sicura che il più grande segreto è la passione, ma non solo per la vela , per ogni cosa. Sicuramente la vela necessità di una grande capacità di adattamento alle situazioni che di volta in volta si presentano, il mare anche lo stesso mare non è mai uguale al giorno prima e questo ti educa a osservare tutto ciò che ti circonda. Poi un’altra cosa importante è sicuramente avere rispetto e cura per la propria imbarcazione, le attrezzature se sono in ordine non ti tradiscono oltre ad essere un importante elemento di sicurezza.

V.P.:  

I prossimi appuntamenti agonistici?

R.G.: Io mi sto allenando con le altre due ragazze ( una triestina ed una gardesana) italiane selezionate per il programma federale “Youth verso Nanchino 2014” ed ogni mese ci incontriamo nei centri federali per sottoporci ai clinic  nazionali ed internazionali programmati per noi da Alessandra Sensini. Ed adesso dal 4 all’8 dicembre disputerò il mio primo campionato Europeo ad Imperia, mi hanno detto che troverò onda corta e vento di media densità … darò il massimo! In atto gli iscritti appartengono a tredici nazioni , tutte europee, oltre a due sudamericani,  un brasiliano e una ragazza dominicana. 

V.P.

E con la scuola come fai?

R.G. io frequento il liceo scientifico “Alessandro Volta” di Reggio Calabria, e devo dire che la fatica per rimanere in carreggiata è tanta, ma è anche vero che devo ringraziare i miei compagni di classe (della 2 C) che ad ogni allenamento o ad ogni regata mi prendono gli appunti e mi inviano i compiti  via mail, in modo che quando rientro ho già tutto organizzato. La loro solidarietà mi è di grande aiuto. Barbara, la mia compagna di banco spesso si ferma con me per darmi ripetizione di matematica e di inglese. Stefano nei momenti di difficoltà mi fa sorridere con le sue battute. Chiara mi tiene aggiornata di quello che avviene a scuola in mia assenza.  E poi devo dire che la mia scuola è molto sensibile agli impegni sportivi, la Dirigente e i professori penso siano i miei più grandi tifosi. Anche se desiderano di vedermi preparata non solo nello sport ma anche nella cultura, le due cose non sono separate. Questo per me è importante, in particolare l’inglese, molti allenatori internazionali come Robert Schidit e Goel, con cui mi alleno parlano solo inglese ed anche se io ho un compagno di squadra che mi aiuta ( lui parla 4 lingue è italo spagnolo) sento la necessità di migliorarmi e di essere autonoma.