Ultim'ora

Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Questa mattina, in un gremito salone, nella sede regionale del Coni, a Reggio Calabria, il presidente Mimmo Praticò ha premiato la judoka calabrese Rosalba Forciniti, vincitrice di un bronzo olimpico ai Giochi di Londra 2012. In sala erano presenti il presidente del C.P. Coni di Reggio Calabria, Giovanni Filocamo, il presidente regionale della Fijlkam, Antonio Laganà, ed il responsabile regionale del Judo, Vincenzo Failla. Presenti anche rappresentanti delle Forze dell'Ordine e delle Federazioni Sportive, oltre ad un cospicuo numero di amanti e curiosi. Il presidente del Coni Calabria, Mimmo Praticò, ha omaggiato la campionessa cosentina con un prestigioso riconoscimento. Mimmo Praticò e Rosalba Forciniti foto di Domenico Notaro"Questa mattina – afferma Praticò – intendiamo riconoscere l'operato di un'atleta che è riuscita a tramutare in realtà un sogno. Rosalba, con la sua impresa, ci ha regalato una gioia immensa, diventando un esempio da seguire per tutti i giovani calabresi ai quali ha indicato, con le sue gesta, il valore positivo del sacrificio". "Attraverso questo premio – ha detto il Presidente – intendo, a nome dello sport calabrese, porgerti i miei più sinceri complimenti per la caparbietà, la determinazione, l'impegno e la testardaggine di chi non molla mai. Lo sport ci insegna che la strada maestra del rispetto dei valori etici, morali e sociali è un percorso indispensabile da indicare ai giovani per poter raggiungere traguardi importanti attraverso la lealtà e nel rispetto degli avversari". "Ritengo che l'Italia,  – prosegue Praticò – classificatasi ottava nel medagliere olimpico di Londra con 28 medaglie, possa ritenersi soddisfatta per i risultati ottenuti". "Noi dirigenti sportivi siamo orgogliosi di questi  risultati ottenuti, in diversi casi, in discipline sportive che quotidianamente non hanno la visibilità mediatica riservata ad altri sport. La Calabria, a Londra, è stata rappresentata da una calabrese doc che ci ha regalato un'emozione unica, andando a conquistare una medaglia che in pochi avevano pronosticato". "Questi sono i valori che insegna lo sport - conclude Mimmo Praticò – e sono orgoglioso di poter contribuire, nel mio piccolo, a portare avanti questa missione che certamente migliorerà il futuro dei giovani calabresi".

Anche il presidente provinciale del Coni, Giovanni Filocamo, si è complimentato con l'atleta cosentina "che è riuscita con la sua forza, ma anche con la sua coinvolgente simpatia, a conquistare una medaglia che ha un grande valore sportivo e sociale".

Rosalba Forciniti, visibilmente emozionata, ha ringraziato il presidente Praticò per l'accoglienza riservatale. "Ancora non sono riuscita a realizzare pienamente quello che ho fatto – ha dichiarato l'atleta – e sono orgogliosa di essere stata la prima donna calabrese a vincere una medaglia olimpica". "Sono molto legata alla mia terra – ha detto la Forciniti – nonostante il fatto che ho dovuto allontanarmene per poter inseguire il mio sogno e avere la possibilità di arrivare a Londra,". "Nonostante questo, considero Praticò il mio presidente e lo ringrazio per quanto detto in precedenza".

"I ringraziamenti più grandi – conclude la Forciniti – vanno al gruppo sportivo dei Carabinieri che mi ha dato la possibilità di allenarmi ad alti livelli e, soprattutto, alla mia famiglia, che mi ha sempre supportato anche lontano da casa, non facendo sentirmene la mancanza: è per questo mi ritengo una ragazza fortunata".