Ultim'ora

Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Si è svolto a Cosenza il Seminario per gli esperti del Progetto di Alfabetizzazione Motoria.

La salute dei ragazzi e l'educazione all'attività fisica stanno alla base del progetto "Alfabetizzazione motoria per la scuola primaria", promosso grazie alla sinergia tra il Coni, il Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca e la Presidenza del Consiglio dei Ministri.

All'I.T.C. "Giovanni Pezzullo" di Cosenza, si è tenuto, nei giorni scorsi, il Seminario di formazione, curato dalla Scuola dello Sport Coni Calabria, per i 13 esperti nominati dai plessi scolastici (5 a Reggio Calabria, 5 a Cosenza e 3 a Crotone) che si aggiungeranno ai 72 che già aderiscono al progetto. In Italia, sono ben 1.140 gli istituti, per un totale di 217.145 alunni partecipanti. Il seminario è stato curato dal Coordinatore didattico-scientifico della SdS Coni Calabria, Mimmo Albino, con l'ausilio dei referenti regionali Rosario Mercurio (Miur) e Katia Romeo (Coni) e del Coordinatore di Ed.Fisica dell'USP di Cosenza, Bernardo Madia, i docenti Claudio Mandoliti e Francesco Rosaspina ed il referente informatico, Marco Perri, invece, si sono alternati nel relazionare ai corsisti le varie tematiche in programma.da sx_Marco_Perri_Katia_Romeo_Claudio_Mandoliti_Francesco_Rosaspina_Mimmo_Albino_e_Bernardo_Madia1

Avviato nel 2009, il progetto triennale "pilota" entra, così, nell'ultima stagione, ma c'è la volontà da parte del Coni e del Miur, con l'aiuto degli Enti locali, nell'arco di cinque anni, di portarlo a regime nell'ordinamento scolastico. Il presidente del Coni, Giovanni Petrucci ha dichiarato che "nonostante il momento di crisi che sta attraversando il Paese, le promesse sono state mantenute ed il programma verrà completato". Il progetto di Alfabetizzazione Motoria nella scuola primaria vede anche il coinvolgimento del CIP (Comitato Italiano Paralimpico) ed è nato in risposta ai crescenti allarmi della comunità scientifica e delle istituzioni internazionali sulle conseguenze della sedentarietà e dei non corretti stili alimentari e di vita tra la popolazione giovanile. I ragazzi saranno impegnati 2 ore alla settimana in attività didattiche semplici e divertenti finalizzate all'acquisizione delle competenze motorie e di stili di vita sani ed attivi. L'insegnante titolare sarà affiancato dal consulente esperto di attività motorie con l'obiettivo di supportare gli alunni per lo sviluppo regolare delle capacità fisiche.

"Il progetto di Alfabetizzazione motoria – ha dichiarato il presidente del Coni Calabria, Mimmo Praticò – si propone di favorire la crescita culturale, civile e sociale dei giovani, sviluppata attraverso un'attività motoria e sportiva scolastica che insegni soprattutto corretti stili di vita". "L'Italia – continua Praticò – si trova indietro nell'attuazione di tali progetti rispetto ad altre nazioni europee, perché qui manca la cultura dell'educazione al movimento". "Sport e Scuola – conclude il presidente – è un binomio che dovrà essere sempre più sinergico nell'interesse di dare un futuro migliore alla nostra società".

"Contro l'obesità infantile – afferma il Coord. della SdS Coni Calabria, Mimmo Albino – il rimedio è sì quello di avere una corretta alimentazione ma coadiuvata dall'attività fisica che è il primo nutrimento". "L'attività motoria – continua Albino – è fondamentale per lo sviluppo della personalità e risulta importante, per una sana crescita dei ragazzi, variare la proposta di attività fisica". "Lo sport, dunque, – conclude Albino – è utile alla salute e come valida strategia per promuovere il recupero dei valori dell'etica e del fair play".