Ultim'ora

Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Giunge alla terza edizione “Sport & Libertà”, progetto promosso dal Comitato Regionale CONI Calabria per mezzo del CONI Point di Vibo Valentia, svolto presso la casa circondariale di VV.

L’intento nobile del progetto di promuovere l’attività sportiva nelle strutture carcerarie con l’obiettivo di riportare moralmente i valori dello sport all’interno di un contesto complesso risulta fondamentale per veicolare messaggi importanti all’intera comunità.
“Sport e Libertà” ha visto la partecipazione di 22 detenuti, sviluppando attraverso il gioco del calcio, una serie di attività rivolte all’integrazione della vita carceraria con il mondo esterno.
Sabato 1 Dicembre 2018, in collaborazione con il Direttore della Casa Circondariale di VV Antonio Galati e Chiara La Cava responsabile aria educatrice, il CONI Point di Vibo Valentia ha organizzato la manifestazione finale del progetto, unendo “Sport & Libertà” alla “Partita con i papà”, sensibilizzando le istituzioni, i media e l’opinione pubblica sulla situazione dei 100 mila bambini in Italia (2,1 milioni in Europa) che vivono la separazione dal proprio genitore detenuto, offrendo loro un momento speciale d’incontro, proposto dall’associazione “Bambini Senza Sbarre”.
All’evento hanno assistito i familiari dei detenuti e soprattutto i bambini che, per l’occasione, hanno potuto abbracciare i loro papà.
Hanno partecipato alla festa conclusiva i rappresentati del CONI, i ragazzi dell’I.C. Murmura, dell’IPSOAE e dell’ITE di Vibo Valentia. Nel quadrangolare, ad affrontare la squadra dei detenuti sul rettangolo di calcio del penitenziario, sono state le squadre invitate dai due tecnici del CONI: la rappresentativa del Liceo Scientifico “Berto”, la rappresentativa provinciale dell’Ordine degli Ingegneri e la squadra dell’associazione sportiva Bulldog.
Gli incontri sono stati diretti da una terna arbitrale dell’AIA arrivata in località Castelluccio insieme al Presidente provinciale Francesco Barbuto, da sempre sensibile a queste iniziative.
“Sport e Libertà” e la “Partita dei Papà” hanno così sintetizzato quei valori educativi e formativi dello sport fondamentali per tracciare una linea sottile, all’insegna del rispetto delle regole, di se stessi e dell’altro che vedono fortemente motivato il Presidente del C.R. CONI Calabria Maurizio Condipodero, molto attento alle iniziative di questa sensibilità.