Ultim'ora

Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

RadunoEstivo2019ArianoIrpino

I cadetti calabresi della FIDAL Calabria presieduta da Ignazio Vita riaccendono i motori in terra campana, in occasione del raduno tecnico estivo svoltosi nel weekend dal 23 al 25 agosto u.s., tra la pista e le pedane della rinnovata Arena “Pietro Mennea” di Ariano Irpino, in provincia di Avellino.
L’ottima iniziativa sostenuta dai Comitati Regionali FIDAL di Puglia e Calabria, coadiuvati dal “deus ex machina” Giancarlo Caso, a cui hanno preso parte circa 80 atleti di diverse specialità, accompagnati dai fiduciari tecnici Domenico Altomare, Pasquale Latella e dai rispettivi capi settore, ha offerto spunti tecnici interessanti, dimostrando ancora una volta l’indiscussa validità del lavoro in sinergia, con la condivisione di obiettivi comuni mirati alla crescita dei ragazzi a vantaggio dell’intero movimento.
Presenti per la nostra Regione i cadetti Giuseppe Serpe (Cosenza K42), Davide Parma (Polisportiva Magna Grecia Cassano), Vitaliano Rappoccio (Atletica Olympus), Samuele Martino (ASD Icaro), Rossella Mondilla (Fiamma Atletica CZ), Giuliana Briguglio (Atletica Minniti), Sofia Filice (Cosenza K42), Vanessa Staffa (ASD Tiger Castrovillari), Niccolò Termini (Cosenza K42), Margherita Manuardi e Giorgia Alampi (Atletica Olympus), insieme ad un gruppo di allievi di interesse nazionale formato dal mezzofondista Ahmed Semmah (Atletica Cosenza), e dai lanciatori Alessandro Raneri e Davide Franco (Atletica Olympus), seguiti dallo staff tecnico composto da Vincenzo Caira (Salti), Domenico Pizzimenti (Lanci), Nuccia Cozzupoli (Marcia) e Maurizio Leone (Mezzofondo).
La tre giorni di Ariano Irpino è stata utile per gli addetti ai lavori con l’obiettivo di monitorare e correggere gli aspetti tecnici legati al gesto di gara, priorità assoluta da curare diligentemente in questa fascia d’età.