Ultim'ora

Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

thumbnail 20 thumbnail 19

Si è concluso il progetto “Fencing for Change” che ha visto protagonisti: il Comando Militare Esercito Calabria, l’USR Calabria, l’Università Mediterranea, dalla Città Metropolitana di RC, dalla Curia Arcivescovile Reggio – Bova, l’Atam, la FIS Nazionale, il CIP e il CONI.
Il progetto, sottoscritto lo scorso 05 dicembre a Reggio Calabria, ha coinvolto nell'insegnamento della scherma tutti gli studenti degli Istituti Comprensivi: “Telesio-Montalbetti”, “Cassiodoro - Don Bosco”, “Carducci - V. da Feltre”, “Falcomatà - Archi”, attraverso le competenze dei tecnici delle società sportive Scherma Reggio A.S.D e Accademia della Scherma Reggio A.S.D, presiedute rispettivamente da Salvatore Colica e Vincenzo Cordova, durante l’anno scolastico 2018-2019.
Il Presidente del C.R. CONI Calabria Maurizio Condipodero, in occasione della cerimonia conclusiva del “Fencing for Change”, svoltasi nella Piazza Duomo di Reggio Calabria, ha sottolineato come il potere dello sport possa e debba penetrare nell'animo di tutti, soprattutto delle giovani generazioni, nobilitandone le azioni all'insegna della moralità, del buon senso civico, rispettandosi e rispettando gli altri e tutto ciò che ci circonda.