Ultim'ora

Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

IMG 20180707 WA0000

 

Il presidente della Conferenza episcopale calabra, monsignor Vincenzo Bertolone, ha ricevuto a Catanzaro il presidente del Coni Calabria, Maurizio Condipodero. Quest’ultimo era accompagnato dal delegato provinciale Giampaolo Latella e dal segretario regionale del Comitato, Walter Malacrino. Si è trattato di un cordiale incontro, durato poco meno di un’ora, nel corso del quale è stata condivisa la profonda comunanza di valori tra la Chiesa e il mondo sportivo. Il rappresentante della conferenza dei vescovi calabresi ha riconosciuto come lo sport, in tutte le sue espressioni, rappresenti una delle più importanti agenzie educative, sottolineando il ruolo cruciale che dirigenti e tecnici svolgono quotidianamente nella formazione dei giovani. Monsignor Bertolone ha posto l’accento anche sull’importanza dell’attività fisica come strumento per aver cura della salute e della vita, ma anche sulla forza aggregante dello sport che rinsalda rapporti di amicizia e unisce le famiglie attorno a una passione sana. Il presidente del Comitato olimpico regionale, da parte sua, ha richiamato la centralità dei valori cristiani nella nostra comunità, auspicando un maggiore impegno delle istituzioni per la valorizzazione del ruolo di realtà come le parrocchie, che assolvono a una preziosa funzione sociale e pedagogica. Maurizio Condipodero ha inoltre riaffermato la necessità che la legge della Regione Calabria in materia di oratori divenga efficace attraverso un adeguato finanziamento che concretamente sostenga l’opera della comunità cristiana e degli operatori parrocchiali nella formazione della persona. Il colloquio tra monsignor Bertolone e il presidente Condipodero si è concluso con l’auspicio di una proficua collaborazione tra la Conferenza dei vescovi e le istituzioni sportive operanti sul territorio di una regione come la Calabria, che trova nello sport uno degli antidoti alle gravi difficoltà che affliggono il tessuto sociale.